Palermo Antiquaria
Federico II
Ventaglio
Catania-Antiqua
 
Caravaggio en Français in English En Espaol

federico ii

Museo Federico II di Palermo

Cortona  Antiquaria

TWITTER

Articolo Caravaggio

 www.federicoiiedintornimuseum.it

Movimento 5 Stelle

 Il-Grillo-di-Palermo

 Federico II Museo

 Sotto il Castello

Mondo X

 Museo Medievale Federico II

 Museo Federico II

 La Luna di Traverso



Scienza e logica contro una attribuzione intoccabile. Uno strano misterioso Dipinto svela casualmente, dopo quattro secoli un messaggio criptato. Caravaggio chiede, con un doppio autoritratto, lultima supplica disperata al Papa, lunico che poteva fermare la condanna di decapitazione che gravava sulla testa del Pittore. Radiografie, rifletto grafia ,preparazione,pigmenti,tecnica, decine di conferme scientifiche tra le pi avanzate eseguite da professionisti accreditati non lascerebbero dubbi: il Dipinto risulterebbe proprio un Capolavoro, opera di Caravaggio. Ma una antica intoccabile attribuzione di cinquantanni addietro, di colui che ancora oggi, a molti anni dalla sua scomparsa ritenuto il massimo esperto e conoscitore di Caravaggio, Roberto Longhi, impedisce una corretta lettura e frena la divulgazione della scoperta. La scienza resta impotente contro una Attribuzione Intoccabile Tutti i maggiori storici studiosi di Caravaggio, provengono dalla scuola del Longhi, e nessuno, credo, avrebbe lardire di metterlo in discussione . Questa scoperta ha tutti i crismi di prospettare 'Un Caravaggio Scomodo'............. Alcuni meccanici, incuriositi, aprono il cofano di uno sconosciuto modello dautomobile, per visionarne il motore, ma con stupore si rendono conto che lauto non ha motore. Il cofano vuoto, e quindi...lautomobile non potr mai camminare .Quei meccanici allontanandosi non vedranno di l a poco lauto, che ha in s quattro piccoli motori, uno allinterno di ogni ruota, con una concezione totalmente differente, unica ed a loro sconosciuta si sposter come le altre auto. Quegli storici dArte che avevano visto il Dipinto raffigurante Davide, Golia con dentro la scena un incongruente ritratto di uno sconosciuto, non avrebbero mai potuto considerare come espressione dArte un Dipinto con tale impostazione. Una iconologia mai esistita una iconografia irriverente nei confronti della rappresentazione biblica una macchina senza motore, senza quel motore da tutti conosciuto. Un Pittore, agli albori del 600, mentre il formalismo manierista impera, e la logica deve essere chiara e concreta, da esagitato, irriverente, maldestro, dissacratore, anticonformista, passionale forse degenere, si inventa una iconologia che non poteva e forse non doveva essere compresa Dal buio del dipinto, il Merisi si ritrae spettatore e protagonista della tragedia, in quanto raffiguratosi con le sembianze del Golia decapitato e gi devastato dalla rigidit cadaverica. Assiste inerme alla scena della sua morte come un fantasma, in una logica surreale (quattro secoli prima del surrealismo), e chiede a gesti, ormai rassegnato, la grazia che purtroppo non arriver in tempo. Un messaggio talmente fuori dalle regole della logica, da non potersi interpretare. Un vero e proprio 'Codice Caravaggio'... Oggi, casualmente, per virt di una fortunata intuizione il Dipinto stato decriptato Ma ancora adesso, dopo sei anni da questa scoperta dirompente, i meccanici cercano ancora il motore, mentre il Genio del grande Merisi vola sopra le menti delle certezze scontate, delle formule pregresse dellArte inscatolata. Il Genio non si pu misurare con migliaia di pagine scritte, n con le regole espresse da chi si auto nomina esperto di colui che ancor oggi non si riusciti a comprendere del tutto : Michelangiolo Merisi detto Caravaggio... ! Solo per le menti caravaggine e senza colla riportiamo l'articolo di 'Marte News', scritto da un critico semi pazzo, adesso rinchiuso e gi esiliato insieme alla sua cella, censurato tramite la Stampa inter Galattica degli Stati 'membri', senza alcun fallo. Dalla pagina della cultura del quotidiano 'Marte's Times': " Un probabile CARAVAGGIO da Milano a Brera, sar esposto insieme al dipinto di suo fratello gemello, purtroppo mai nato, detto dalla critica caravaggio junior, e ritenuto a ragion veduta un probabile allievo fantasma forse milanese anch'esso, oriundo di Brera ma schizzato nel cervello dai colori di un caravaggismo esagitato. Il 'caravaggino', conosciuto come il nipote spurio del Merisi sembrava se stesso ma altri non sarebbe che il travestimento carnevalesco di Michelangelo ex di Caravaggio e adesso finalmente Milanese. Se il 'Codice Caravaggio' esprime un doppio autoritratto, di fatto il Pittore non trova pi se stesso, da artista in esilio, e non si vede pi in giro, e nemmeno si guarda allo specchio da tempo, perch morto gi da quattro secoli. Resta nella Sua mente (putrefatta) il ricordo del cugino sdentato, figlio di zio Mich, ma il primo dei caravaggisti sempre e soltanto Lui: 'Caravaggio' 'il Milanese', anche se non si dovrebbe dubitare, o dire o pensare... che alcuni tra i diversi Critici tronfino trionfanti ma non si vorrebbero imbufalire se la verit invero resta sempre quella che non si vorrebbe divulgare... Lui s che ancora e sempre sar CARAVAGGIO, ma nato a Milano ... che ci poteva fare se sua madre era l, di passaggio...e cos la 'critica' spappolante non lo sfiora nemmeno e Lui ne felice, anche sottoterra. Se , e lo ... si s che non sar, ma se non , forse lo sarebbe... Dal buio della tomba il pensiero edotto del Pittore immortale resta uno: Mondo Cane.

   
 
  «« Torna
Home ~ Chi siamo ~ Pittura siciliana ~ Caravaggio ~ Dipinti del 500 ~ Dipinti del 600 ~ Dipinti del 700 ~ Dipinti del 800 ~ Dipinti del 900 ~ Sculture ~ Argenti ~ Maioliche ~ Porcellane ~ Coralli ~ Avori ~ Gioielli ~ Vetri ~ Disegni ~ Mobili ~ Icone ~ Collezioni ~ Arazzi ~ Bronzi ~ Orologi ~ Rarit ~ Musei ~ Foto curiose ~ Eventi ~ Rassegna stampa ~ Siti amici ~ Blog news